Jimi Hendrix

James Marshall “Jimi” Hendrix (Seattle, 27 novembre 1942 – Londra, 18 settembre 1970) è stato un chitarrista e cantautore statunitense.

È stato uno dei maggiori innovatori nell’ambito della chitarra elettrica: durante la sua parabola artistica, tanto breve quanto intensa, si è reso precursore di molte strutture e del sound di quelle che sarebbero state le future evoluzioni del rock attraverso un’inedita fusione di blues, rhythm and blues/soul, hard rock, psichedelia e funky.

Secondo la classifica stilata nel 2011 dalla rivista Rolling Stone, è stato il più grande chitarrista di tutti i tempi. Si trova infatti al primo posto della lista dei 100 migliori chitarristi secondo Rolling Stone, precedendo Eric Clapton e Jimmy Page.

Due sue esibizioni, in particolare, sono entrate di prepotenza nell’immaginario collettivo: il suo esordio al festival di Monterey del 1967, in cui concluse la performance dando fuoco alla sua chitarra davanti ad un pubblico allibito, e la chiusura del festival di Woodstock del 1969, durante la quale, con dissacrante visionarietà artistica, reinterpretò l’inno nazionale statunitense in modo provocatoriamente distorto e cacofonico che lui, però, definì bellissimo. Ciò inoltre fece di lui uno dei maggiori critici riguardo alla guerra del Vietnam.
Hendrix è stato introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1992.

 

Buona lettura 

Basta una serie di note. Il resto è improvvisazione.
Scusatemi, mentre bacio il cielo!

 

La volta in cui ho bruciato la mia chitarra fu come un sacrificio. Si sacrificano le cose che si amano. Io amo la mia chitarra.

 

Sono stato imitato così bene che ho sentito persone che copiavano i miei errori.

 

Se nelle piantagioni di cotone avessero avuto le chitarre elettriche, le cose sarebbero cambiate molto più alla svelta.

 

La pazzia è come il paradiso. Quando arrivi al punto in cui non te ne frega più niente di quello che gli altri possono dire… sei vicino al cielo.
Quando il potere dell’amore supererà l’amore per il potere si avrà la pace.

 

La storia di una vita è più breve di un battito di ciglia. La storia di un amore è ciao e addio finché non ci rivedremo.

 

Il Blues è facile da suonare, ma è difficile da sentire dentro.

 

Se sono libero è perché continuo a correre. 
[Frase attribuita]

 

La conoscenza parla, ma la saggezza ascolta.

 

Qualche volta tu vorrai rinunciare a suonare la chitarra, tu odierai la chitarra. Ma se le sarai fedele, lei ti ricompenserà.

 

Tecnicamente non sono un chitarrista, tutto quello che suono è verità ed emozione.
La luce che brilla il doppio dura la metà.
Noi facciamo della musica libera, dura, che picchi forte sull’Anima in modo da aprirla.
Precedente Francesco d'Assisi Successivo Banana Yoshimoto