Citazioni di Abraham Lincoln

Abraham Lincoln (1809 – 1865), 16º Presidente degli Stati Uniti d’America.

Abraham Lincoln rappresenta un’icona della politica mondiale, sia per le parole scritte e pronunciate con enfasi, sia per le politiche messe in atto in un paese lacerato dalla Guerra civile. Questo a partire dalle riflessioni sulla casa divisa e dal discorso di Gettysburg, sino all’abilità politica di far approvare a un Congresso restio il tredicesimo emendamento della Costituzione che decretò la fine della schiavitù negli Stati Uniti. Anche negli anni successivi il suo ruolo politico fu imponente: riuscì a fare approvare alte tariffe doganali per finanziare la Ricostruzione e le ferrovie transcontinentali; creò per la prima volta una banconota unica nazionale; usò il demanio pubblico per promuovere gli insediamenti nell’Ovest; aprì i confini dell’immigrazione. Infine il suo assassinio che lo trasformò in un martire e un’icona del pensiero politico contemporaneo. Ecco il compito di questa raccolta: riflettere sulle parole e sull’azione politica del Grande Emancipatore, ripensandone la realtà e il mito, ma soprattutto l’eredità politica e l’attualità nell’America ancora una volta divisa di oggi.

 

Non mi preoccupa che siate caduti. Mi preoccupa che vi rialziate.

 

Ho sempre pensato che la pietà porti frutti più ricchi della mera giustizia.

 

É meglio cedere il passo ad un cane piuttosto che essere morsicato per una questione di principio. Anche se lo si ammazzasse, nessuno riuscirebbe a togliere il morso.

 

Se prima di tutto potessimo sapere dove siamo e dove stiamo andando, potremmo meglio decidere cosa fare e come farlo.

 

Nella sua grandezza il genio disdegna le strade battute e cerca regioni ancora inesplorate.

 

Non vorrei essere uno schiavo, ma non vorrei neanche essere un padrone. Questo esprime la mia idea di democrazia.

 

Se un uomo è deciso a dare il massimo di se stesso, non ha tempo da perdere in liti personali e non può permettersi le eventuali conseguenze, come perdere la calma e l’autocontrollo.

 

Chiunque tu sia, sii una persona per bene.

 

La risolutezza verso il successo è più importante di qualsiasi altra cosa.

 

È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio.

 

Una volta deciso che la cosa può e deve essere fatta, bisogna solo trovare il modo.

 

Potete ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre.

 

Non affermo di aver controllato gli eventi, anzi confesso in tutta sincerità di essere stato controllato dagli eventi.

 

Nessuno ha una memoria tanto buona da poter essere un perfetto bugiardo.

 

La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.

 

Cerchi di dare a mio figlio la forza per non seguire la massa, anche se tutti saltano sul carro del vincitore.

 

Dobbiamo avere fede nel fatto che siano i diritti a conferire il potere.

 

I dogmi di un passato tranquillo sono inadeguati al presente tempestoso. La situazione è irta di difficoltà, e noi dobbiamo essere all’altezza della situazione. Poiché il nostro caso è nuovo, dobbiamo pensare in modo nuovo e agire in modo nuovo. Dobbiamo emanciparci.

 

Noi non siamo nemici, ma amici. Noi non dobbiamo essere nemici. Anche se la passione può averci fatto vacillare, non deve rompere i profondi legami del nostro affetto. Le corde mistiche della memoria risuoneranno quando verranno toccate, come se a toccarle fossero i migliori angeli della nostra natura.

 

Il Governo dovrebbe creare, emettere e far circolare tutta la valuta ed il credito necessario per soddisfare il potere di vendita del Governo ed il potere d’acquisto dei Cittadini consumatori. Il privilegio di creare ed emettere moneta non è solo la suprema prerogativa del Governo, ma è anche la sua più grande opportunità creativa. Con l’adozione di questi princìpi, ai Contribuenti saranno risparmiate enormi quantità di interessi. Il denaro cesserà di essere il padrone e diventerà il servitore dell’Umanità

 

Sta piuttosto a noi il votarci qui al grande compito che ci è dinnanzi: che da questi morti onorati ci venga un’accresciuta devozione a quella causa per la quale essi diedero, della devozione, l’ultima piena misura; che noi qui solennemente si prometta che questi morti non sono morti invano (per nulla); che questa nazione, guidata da Dio, abbia una rinascita di libertà; e che l’idea di un governo del popolo, dal popolo, per il popolo, non abbia a perire dalla terra.

Precedente Buona Pasqua frasi belle da dedicare in questa giornata tanto importante Successivo Cronaca di una mamma che torna al lavoro