Frasi, citazioni e pensieri sull’amare ed essere amati

“La verità, vi prego, sull’amore”. Come non far propria l’accorata invocazione di Wystan Hugh Auden di fronte alle innumerevoli figure e incarnazioni del sentimento più antico e universale? L’amore ha mille volti e mille voci. E dunque, viene da chiedersi prendendo a prestito le parole di Raymond Carver, “di cosa parliamo quando parliamo d’amore?”.
Buona lettura:

 

Ama, e fai ciò che vuoi.
Sant’Agostino

 

Amare senza amare non si può.
Pietro Bembo

 

Quando non si ha ciò che si ama, bisogna amare quel che si ha.
Roger de Bussy-Rabutin, Corrispondenza con M.me de Sévigné

 

Quando non si ama troppo, non si ama abbastanza.
Roger de Bussy-Rabutin, Maximes d’amour pour les femmes

 

È meglio aver amato e perduto che non aver mai amato.
Samuel Butler, Taccuini

 

Nella sua prima passione la donna ama il suo amante, in tutte le altre ciò che ama è l’amore. George Gordon Byron, Don Giovanni

 

Quando si è avuta una volta la fortuna di amare intensamente, si spende la vita a cercare di nuovo quell’ardore e quella luce. Albert Camus, L’estate

 

Perché bisognerebbe amare raramente per amare molto?
Albert Camus, Il mito di Sisifo

 

Amare significa desiderare il meglio dell’altro, anche quando le motivazioni sono diverse. Amare è permettere all’altro di essere felice, anche quando il suo cammino è diverso dal nostro. È un sentimento disinteressato che nasce dalla volontà di donarsi, di offrirsi completamente dal profondo del cuore. Per questo, l’amore non sarà mai fonte di sofferenza
Il Piccolo Principe

 

Amare è attribuire all’altro un posto nel nostro cuore affinché ci resti in qualità di partner, padre, madre, fratello, figlio, amico; amare è sapere che anche nel cuore dell’altro c’è un posto speciale per noi. Dare amore non ne esaurisce la quantità, anzi, la aumenta. E per ricambiare tutto quell’amore, bisogna aprire il cuore e lasciarsi amare.
Il Piccolo Principe

 

Che cos’è l’amare se non il completo assorbimento dell’amato da parte dell’amante, sì che i due diventino uno? E chi o che cosa si deve amare? Deve forse uno scegliere una certa foglia dell’albero della Vita e riversare su di essa tutto il proprio cuore? Ed il ramo che porta la foglia? Ed il tronco che tiene il ramo? E la corteccia che protegge il tronco? E le radici che alimentano la corteccia, il tronco, i rami e le foglie? E la terra che cinge le radici? Ed il sole, il mare e l’aria che fertilizzano la terra? Se una piccola foglia di un albero merita il vostro amore, non dovrebbe l’albero, nel suo insieme, meritarlo molto di più? L’amore che sceglie una frazione del tutto si predestina al dolore.
Mikhail Naimy

 

Cos’è che rende un uomo grande, ammirato dal creato, gradevole agli occhi di Dio? Cos’è che rende un uomo forte, più forte del mondo intero; cos’è che lo rende debole, più debole di un bambino? Cos’è che rende un uomo saldo, più saldo della roccia; cos’è che lo rende molle, più molle della cera? È l’amore! Cos’è che è più vecchio di tutto? È l’amore. Cos’è che sopravvive a tutto? È l’amore. Cos’è che non può essere tolto, ma toglie lui stesso tutto? È l’amore. Cos’è che non può essere dato, ma dà lui stesso tutto? È l’amore. Cos’è che sussiste, quando tutto frana? È l’amore. Cos’è che consola, quando ogni consolazione viene meno? È l’amore. Cos’è che dura, quando tutto subisce una trasformazione? È l’amore. Cos’è che rimane, quando viene abolito l’imperfetto? È l’amore. Cos’è che testimonia, quando tace la profezia? È l’amore. Cos’è che non scompare, quando cessa la visione? È l’amore. Cos’è che chiarisce, quando ha fine il discorso oscuro? È l’amore. Cos’è che dà benedizione all’abbondanza del dono? È l’amore. Cos’è che dà energia al discorso degli angeli? È l’amore. Cos’è che fa abbondante l’offerta della vedova? È l’amore. Cos’è che rende saggio il discorso del semplice? È l’amore. Cos’è che non muta mai, anche se tutto muta? È l’amore, e amore è solo quello che mai si muta in qualcos’altro.
Soren Kierkegaard

 

Precedente SAN VALENTINO Successivo Bontà